Rosmarino e memoria: un legame positivo ed inaspettato

Rosmarino e memoria: un legame positivo ed inaspettato

18 Ottobre 2022 0 Di Ilaria

Rosarino e memoria, cosa dice la scienza

Rosmarino e memoria: cosa ci dice la scienza? A volte la scienza ci rivela grandi scoperte, altre volte ci stupisce con piccole “banalità” che abbiamo sempre avuto sotto il naso. Nel vero senso della parola! Scopriamo allora in che modo il nostro naso può esserci d’aiuto per aumentare la memoria del 75%. Non poco peraltro!

Non solo arrosto…

La domenica è il giorno della pasta fatta in casa e dell’arrosto con le patate. Ebbene, uno degli aromi che il giardino ci offre e che riesce a conferire un aroma unico al nostro arrosto con patate è indubbiamente il rosmarino. Una pianta amata sin dai tempi degli antichi Romani, che quasi la consideravano una pianta sacra! Pensate, essi avevano l’abitudine di collocare un rametto di rosmarino e un po’ d’incenso nei sepolcri dei loro cari, nella convinzione che entrambi gli aromi garantissero al defunto un passaggio sereno e una permanenza gradevole nell’aldilà. Ma non solo. La regina Isabella d’Ungheria usava un’acqua al rosmarino per l’igiene del corpo e del viso, e sembra che la sua pelle ne traesse cotanto giovamento da sembrare una ragazzina anche in età avanzata! E a noi, cosa può servire il rosmarino? Scopriamo insieme cosa dice la scienza in merito a questa straordinaria capacità del rosmarino di aumentare la nostra memoria praticamente a dismisura.

LEGGI ANCHE  Avocado contro la "pancetta"? Si grazie

Rosmarino: usi e proprietà note

Il rosmarino è noto ed usato in erboristeria e nella farmacopea tradizionale per le sue innumerevoli proprietà:

  • aiuta nel caso di dolori articolari
  • o reumatici
  • rinfresca e tonifica
  • è d’aiuto anche nel caso di mal di testa
  • è un buon astringente per pelli miste
  • favorisce la ricrescita dei capelli e ne previene la caduta

E se semplicemente annusato? Ecco come il rosmarino può aiutarci ad avere più memoria del consueto

Ma la notizia che ci interessa maggiormente è quella che riguarda l’aumento della memoria offerto dal semplice gesto di annusare il rosmarino. La scienza conferma che annusare un rametto di rosmarino migliora drasticamente le performance mentali, arrivando ad aumentare la nostra memoria anche del 75%.

Questo perchè il rosmarino aumenta il flusso sanguigno nel cervello favorendo di conseguenza l’ossigenazione dei tessuti ivi presenti. Dunque se vi sentite in un periodo di affaticamento mentale, siete stanchi, provati, vi dimenticate le cose, o siete in periodo di esami, provate anche voi a tenere sottomano qualche rametto di rosmarino.

Oppure, anziché usare il rosmarino, specie se non avete una pianta sottomano, potete procurarvi dei bastoncini di incenso al rosmarino, ugualmente validi per trarre il beneficio auspicato dall’inalazione! 

Altri benefici del rosmarino

Se poi il sapore del rosmarino non vi spiace, provate anche a masticare qualche ago di rosmarino. I benefici sono indubbi ed abbiamo già avuto occasione di parlarne in un altro articolo! 

LEGGI ANCHE  Formaggi e diabete: quali mangiare?