La crosta dei formaggi si mangia?

La crosta dei formaggi si mangia?

29 Novembre 2021 0 Di Ilaria

Togliere la crosta ai formaggi prima di consumarli è una piccola abitudine alla quale nemmeno facciamo più caso. Eppure, non tutti sanno che alcune croste dei formaggi sono edibili (cioè commestibili). E allora, rispondiamo una volta per tutte alla domanda “la crosta dei formaggi si mangia?” Vediamo di andare con ordine.

Il dubbio che regna sovrano è che la crosta dei formaggi possa far male e per questo motivo, nel dubbio, si preferisce evitare di acquistarla. Eppure l’argomento non è così semplice. Un negoziante esperto in latticini e formaggi dovrebbe sapervi dire se la crosta è edibile o no, ma spesso questo non accade, specie nelle grandi catene di supermercati.

In Francia tutti mangiano la crosta dei formaggi

In Francia, ad esempio, nessuno si sognerebbe mai di gettare nella spazzatura la crosta del formaggio. Un gesto nobile che riduce notevolmente gli sprechi alimentari! In generale, anche se non siete esperti di formaggi e latticini, fatevi guidare dal vostro istinto. La crosta vi sembra commestibile oppure no? C’è? Non c’è? Siete sicuri della provenienza del vostro formaggio ed avete fiducia del caseificio che l’ha prodotto, dell’igiene con la quale opera, della precisione dei suoi addetti? Fatevi insomma qualche domanda. Ma una regola generale ci deve pur essere. E allora scopriamola assieme.

LEGGI ANCHE  Squid Game e i Dalgona Biscuit, ed è subito trend

 

C’è crosta e crosta

Dovete innanzitutto sapere che non tutti i formaggi hanno la crosta. La mozzarella, per esempio, non ha la crosta, ma una pelle (sì, gli esperti la chiamano pelle). Poi ci sono le croste chiamate buccia. La buccia è uno strato molto sottile e abbastanza elastico, ed è tipico di alcuni formaggi come ad esempio il caciocavallo. La parola crosta si addice invece agli involucri più duri e spessi. Ma non finisce qui: la crosta fiorita è quella morbida e di colore bianco tipica per esempio dei formaggi come il brie. Segue la crosta lavata, che si chiama così perché la crosta è lavata con acqua e sale durante la produzione del formaggio. Molte croste sono ricoperte da muffe, alcune di esse sono nobili e buone, e pertanto commestibili; altre no, si sono venute a creare incidentalmente durante la produzione del formaggio. Dunque fidatevi molto anche dei vostri sensi!

La crosta del Parmigiano Reggiano si mangia?

La risposta è sì. Anche la crosta del Parmigiano Reggiano è commestibile. Lavatela e grattugiatela normalmente, o usatela per insaporire piatti in umido o zuppe di legumi. In generale, e per rispondere alla domanda “la crosta dei formaggi si mangia?”, concludiamo dicendo che tutte le croste ottenute tramite trattamenti con coloranti, cere, paraffina e prodotti di origine chimica non sono commestibili. Tutte le altre, anche se vi sembrano “brutte”, sono commestibili. Anzi, è proprio la crosta a rendere completo e ricco il sapore dei vostri formaggi.

LEGGI ANCHE  Aumenta la vendita di spumanti e DOC