I trend alimentari del momento

I trend alimentari del momento

27 Luglio 2021 0 Di Ilaria
Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La pandemia da Coronavirus che ha investito il mondo nel 2020 – 2021 ha avuto non pochi effetti sulle abitudini e sugli stili di vita anche degli italiani. E sono stati proprio gli italiani coloro che forse più di altri hanno colto l’occasione del lockdown per rivedere le loro abitudini alimentari e, soprattutto, rivalutarle. Si è venuta dunque a creare una nuova consapevolezza nei confronti di cosa e quanto si mangia, sulla provenienza delle materie prime, sui nutrienti e, di riflesso, su temi di indole ambientale, sanitaria ed economica. Una piccola grande rivoluzione che ha preso le mosse dalla tavola, dunque. Alla luce di questo cambio di rotta, si sono affermati con una certa prepotenza alcuni trend alimentari strettamente legati ai nuovi concetti di alimentazione “green” e, non ultimo, di sostenibilità. 

Ecco i trend alimentari del momento

1 – Mangiare biologico

Il settore del biologico sta registrando davvero numeri da capogiro. Numeri che non mostrano di volersi arrestare e che anzi promettono una crescita costante di qui ad almeno il 2025. Mangiare biologico significa alimentarsi con cibi prodotti da agricoltura biologica: un’agricoltura che non fa uso di prodotti chimici nè di organismi geneticamente modificati. L’obiettivo, è quello di produrre un alimento sano, che rispetti al contempo la biodiversità, il terreno, i cicli della natura.

2 – Gli imballaggi ecologici

La nuova e rinnovata sensibilità nei confronti dell’ambiente e dell’ecologia spinge sempre più aziende a cercare di ricorrere a packaging ecologici, privi il più possibile di materiali difficilmente deperibili come la plastica. Un aspetto che anche i consumatori mostrano di gradire e prediligere, con una propensione all’acquisto non indifferente nei confronti dei prodotti imballati nel pieno rispetto dell’ambiente.

3 – Il food delivery

Com’è logico intuire, il food delivery, ovvero la consegna del cibo direttamente a casa, ha subito un vero e proprio boom durante il lockdown. Anche qui i numeri sono da capogiro, e nonostante oggi sia possibile muoversi nuovamente da casa per l’approvvigionamento del cibo o per consumare un pranzo al ristorante, molti italiani hanno mostrato di gradire e di voler conservare l’abitudine acquisita durante il lockdown. Una telefonata e la cena è servita, insomma.

4 – Il foraging

Il foraging è una moda che ci porta, al contrario del food delivery, al di fuori delle nostre bellissime città. Ci porta nella natura più incontaminata possibile. Foraging significa raccogliere tutto ciò che madre natura ci offre spontaneamente di commestibile: bacche, frutti, erbe spontanee. Una pratica virtuosa che ci insegna a vivere maggiormente in contatto con la natura e di cibarci in modo economico e salutare al contempo.

5 – I fitonutrienti

Una volta si seguiva la dieta mediterranea nella cieca convinzione che essa fosse la formula migliore per vivere bene e per vivere a lungo. E non si sbagliava: era uno dei trend alimentari più in voga e tutto sommato regalava buoni risultati in termini di salute e longevità. Tuttavia, oggi il consumatore ha una rinnovata e più approfondita sensibilità nei confronti della conoscenza specifica dei fitonutrienti. Ovvero, di tutti gli elementi chimici che ciascun alimento contiene in sé in modo naturale, e dei relativi benefici per l’organismo. Ci riferiamo alle vitamine, ai polifenoli, agli antiociani, ai fitoestrogeni, al reservatrolo e molti molti altri.

6 – L’intelligenza artificiale nell’industria del cibo

La catena alimentare oggi è più che mai digitalizzata. In questo modo, diventa trasparente e tracciabile, così da consentire al consumatore, tramite un semplice QR Code, per esempio, di identificare la provenienza delle materie prime e risalire persino alla loro origine, oltre che a tutto il loro ciclo produttivo che le ha condotte sin sulle nostre tavole.

7 – L’alimentazione a km0

L’alimentazione a km0 è prediletta dai cosiddetti climatariani. Essere climatariano significa alimentarsi in modo da impattare il meno possibile sull’ambiente, cercando, nello specifico, di eliminare o limitare le emissioni di CO2 nell’atmosfera tramite la propria alimentazione. Dunque, zero imballaggi, zero carne, cibo a km0.

8 – Alimentazione a base di insetti

Un altro dei trend alimentari del momento è quello che vede coinvolti gli insetti. Si sente spesso dire che gli insetti sono la carne del futuro. Anche se molti di noi non sono ancora pronti ad accettarlo, in parte è così. Gli insetti offrono un apporto proteico del tutto assimilabile a quello offerto dalla carne, ma rappresentano di gran lunga una scelta più sostenibile. Insomma, un elevato apporto nutritivo ed un basso impatto ambientale li rendono la via migliore per assumere proteine in modo intelligente. Pensate che le specie di insetti commestibili sono 1400 e che i paesi in cui si mangiano sono già 100, incluso in Europa.