Frodi alimentari, attenzione al pesce, video

Frodi alimentari, attenzione al pesce, video

14 Ottobre 2021 0 Di Ilaria
Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Non è infrequente vedere in televisione qualche programma che ci mette in stato d’allerta in merito alle frodi alimentari con particolare riferimento al pesce. Il pesce è un alimento buono e sano se consumato fresco. Pur tuttavia il negoziante deve essere onesto e dichiarare onestamente freschezza e provenienza del pesce. Potrebbe trattarsi di pesci non più freschissimi, di pesci provenienti da zone diverse da quelle dichiarate, o addirittura di specie protette. Anche la dichiarazione degli allergeni è d’obbligo!

Frodi alimentari e trucchetti abbastanza comuni

Ci sono alcuni pesci che si somigliano molto e il consumatore può cadere in errore: vere e proprie frodi alimentari. Dunque è facile dichiarare una provenienza ed una tipologia di pesce al posto di un’altra, contando sul fatto che il cliente si confonda. Analogamente, alcuni trucchetti posti in essere dai negozianti possono far cadere l’acquirente in errore: tra questi, proporre il pesce già porzionato, con la scusa di offrire una comodità (il pesce è già pronto per essere cotto), mentre in realtà si sta cercando di eliminare delle rimanenze dei giorni precedenti. Ovviamente il mercato ittico italiano non è gestito solo da imbroglioni e questo è fondamentale che vada detto chiaramente. Ma abbiamo trovato in rete un video che forse vi può aiutare a stare alla larga da truffe, cosicché non porterete più a casa un pesce che non sapete esattamente cosa sia e se sia fresco.

Frode ittica e rischio istaminosi

Non dimentichiamo che un’etichettatura fraudolenta (di nuovo frodi alimentari, dunque) di alcune tipologie di pesci o cefalopodi può spingerci a portare a casa un pesce che non è fresco come potremmo pensare. La degradazione del pesce è spesso coperta con sostanze che ne mascherano l’odore tipico ma comporta un livello di istamina molto alto. Questa istamina una volta ingerita può dar vita ad una reazione allergica chiamata proprio istaminosi. Se l’istamina naturale che si libera nel nostro corpo quando siamo allergici a qualcosa è un normale meccanismo di difesa, ingerire molta istamina può provocare una reazione molto più forte. Potremmo dover assumere cortisonici o fare un giro in pronto soccorso!

 

Ed ora vediamo il video dell’Istituto Zooprofilattico delle Venezie

Un video sulle frodi alimentari proprio in ambito ittico. Guardatelo assieme a noi.