Dieta chetogenica e fertilità, news incoraggianti

Dieta chetogenica e fertilità, news incoraggianti

18 Gennaio 2023 0 Di Ilaria

Dieta chetogenica e fertilità: cosa c’entrano l’una con l’altra? Abbiamo spesso menzionato la dieta chetogenica come rimedio perfetto per dimagrire velocemente, bruciare i grassi in eccesso ed evitare di accumularne di nuovi. E allora? Sul piano medico ciò che era già noto e risaputo è che la dieta chetogenica è d’aiuto contro l’epilessia. Ma oggi abbiamo una notizia che forse vi incuriosirà e vi stupirà: la scienza ha individuato anche una connessione positiva tra dieta chetogenica e fertilità. Vediamo in che modo.

La dieta chetogenica aiuta la fertilità

La dieta chetogenica riesce a ripristinare alcuni equilibri fondamentali nel nostro organismo. Nello specifico, influenza anche i livelli ormonali e di conseguenza consente di aumentare la propria fertilità. In che modo:

  • aiuta ad abbassare i livelli di insulina, un dato scientificamente correlato all’aumento della fertilità, in quanto favorisce l’impianto dell’ovulo fecondato nell’utero
  • regola i livelli degli ormoni sessuali sia maschili che femminili (negli uomini la dieta chetogenica aumenta i livelli di testosterone, nelle donne invece determina un aumento dei livelli dell’ormone follicolo stimolante e dell’ormone luteinizzante.

Nelle donne, in particolare:

  • la dieta chetogenica porta ad un aumento della globulina legante l’ormone sessuale e ad una diminuzione del testosterone circolane; favorisce lo sviluppo follicolare, migliora l’ovulazione e la qualità dell’ovulazione e dà un boost alle probabilità di impianto dell’ovulo.
LEGGI ANCHE  8 errori da non commettere in fatto di caffè

Negli uomini invece:

  • migliora la qualità e la motilità spermatica.

Leggi anche: dieta chetogenica menu 7 giorni, cosa mangiare

Un valido aiuto anche per chi segue il percorso di fecondazione in vitro

La dieta chetogenica, inoltre, è di grande aiuto per chi segue il percorso di fecondazione in vitro. Questo perché sia le cellule uovo che gli embrioni sembrano “gradire” un ambiente a basso contenuto di glucosio, come tipicamente accade nella chetogenica.

Ancora, la dieta in questione incrementa sia il numero di ovociti, sia la loro qualità: un dato a favore delle donne che stanno intraprendendo la strada della fecondazione in vitro. In particolare, i ricercatori consigliano di iniziare la dieta chetogenica 3 mesi prima del prelevamento di ovociti, aumentando di conseguenza le probabilità di andare incontro ad una gravidanza.

Vi consigliamo di chiedere sempre consiglio al medico prima di intraprendere un percorso di dieta chetogenica o un regime alimentare diverso da quello che applicate di consueto.