Diabete e zuccheri: accoppiata da bandire?

Diabete e zuccheri: accoppiata da bandire?

14 Luglio 2023 0 Di Ilaria

Diabete e zuccheri, accoppiata pericolosa? Facciamo il punto della situazione. Il diabete è una delle patologie sistemiche più insidiose che si possano avere, in virtù della vasta gamma di conseguenze – anche importanti – che può esercitare a più livelli: cardiovascolare, reni, sistema nervoso e apparato visivo. Una diagnosi di diabete non va mai trascurata e anzi è fondamentale farsi seguire da un diabetologo e sapere come comportarsi a tavola e non solo. A proposito di alimentazione, tuttavia, è anche vero che vi sono alcuni falsi miti. E’ opinione comune, per esempio, che chi soffre di diabete non possa mangiare alcun tipo di zucchero. Ma non è esattamente così. Vediamo allora quali zuccheri può mangiare chi soffre di diabete. 

Zuccheri sì o zuccheri no?

Cominciamo col dire che gli zuccheri danno al nostro organismo tanta energia in tempi celeri. I nostri organi hanno fame di zuccheri: il cuore, il cervello ma anche i muscoli si “nutrono” di zuccheri per svolgere tutte le loro attività quotidiane. Bandirli del tutto – a prescindere dai propri livelli di glicemia – è sbagliato. Dunque la dicotomia “diabete e zuccheri” non è del tutto vietata.

Leggi anche: formaggi e diabete, quali mangiare?

Pensate che il solo cervello ha bisogno di 120 grammi di glucosio ogni giorno. E non stiamo parlando di zuccheri complessi, ma di glucosio, che è uno zucchero semplice. Non a caso, il glucosio è l’unico monosaccaride che riesce a oltrepassare la barriera ematoencefalica e raggiungere i neuroni.

LEGGI ANCHE  Cesti natalizi vuoti: l'arte di riempire di magia le feste

Diabete e zuccheri, si o no? Carboidrati complessi? Sì grazie

Il glucosio non si ottiene solamente dai dolci: ma anche dagli amidi, ovvero dai carboidrati complessi, che sono il riso, le patate, la pasta e il pane.

La differenza tra gli zuccheri semplici e gli amidi, è che questi ultimi vengono assorbiti lentamente. E non causano un improvviso picco glicemico. Chi abolisce del tutto i cereali (tutti, inclusi pasta, riso, prodotti da forno, pane e via dicendo), ma anche i legumi e le patate, sbaglia. Da evitare, invece sono quegli zuccheri che causano un aumento repentino della glicemia: le marmellate, la frutta, il miele, lo yogurt, il latte. Nemmeno da prendere in considerazione sono le bibite zuccherate. 

Leggi anche: lampascioni e diabete, è possibile mangiarli?

Concludendo dunque, per rispondere alla domanda: “diabete e zuccheri, si o no?” non è vero che i diabetici non possono mangiare zuccheri sotto forma di pasta, riso o patate. Anzi, sono alimenti fondamentali per molte funzioni vitali del nostro organismo. L’importante è non indulgere in alimenti zuccherati che sono assimilati rapidamente e portano ad un elevato e improvviso picco glicemico.