Abbattitore domestico: cos’è e come si usa

Abbattitore domestico: cos’è e come si usa

21 Giugno 2021 0 Di Ilaria
Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ultimamente si è sentito spesso parlare dell’abbattitore come strumento indispensabile nelle cucine dei ristoranti per abbattere i cibi. I non addetti ai lavori non l’avevano forse mai sentito nominare ma con l’avvento dei ristoranti di sushi l’attenzione dell’opinione pubblica è stata indirizzata proprio verso temi quali la proliferazione batterica e la presenza eventuale di anisakis nel pesce crudo. Da allora ad oggi l’abbattitore è entrato a far parte del gergo comune anche tra i non addetti ai lavori e si è presa l’abitudine di pensare anche all’acquisto di un abbattitore domestico. Ha senso acquistare un abbattitore domestico? Che vantaggi può apportare? Scopriamolo assieme.

Cos’è un abbattitore e a cosa serve

Un abbattitore è una sorta di freezer ma con una capacità di raffreddare i cibi molto più velocemente di quanto non faccia un freezer ed anche di giungere a temperature davvero molto basse. Si consideri che un abbattitore riesce a portare la temperatura di un alimento (al centro dell’alimento) a 3 gradi in 90 minuti. Si tratta dello strumento ideale per limitare la carica batterica che in un normale frigorifero o freezer rimarrebbe comunque attiva. Nel caso di alimenti cotti si parla di abbattimento positivo che porta ad una temperatura vicina a quella del frigo ma in tempo molto breve. L’abbattitore domestico consente per esempio di portare a 3 gradi una pentola di ragù appena fatto ancora caldo nel giro di breve tempo. E’ sufficiente inserire la pentola in abbattitore ed inserire al suo interno la sonda per la misurazione della temperatura. L’abbattimento negativo invece porta la temperatura a livelli molto più inferiori.

Come funziona l’abbattitore domestico?

L’abbattitore domestico, come detto, porta i cibi anche caldi a 3 gradi in 90 minuti appena. Può anche surgelare, arrivando ad una temperatura di – 18 in 4 ore appena. Peraltro a differenza di un normale freezer in questo caso non si vengono a creare cristalli di ghiaccio ed il sapore e consistenza del cibo rimangono inalterati anche dopo essere stati scongelati. Il pesce crudo che consumate nei ristoranti giapponesi è conservato per esempio a -18 gradi per 24 ore così da distruggere totalmente qualunque tipo di carica batterica. Se volete usare la funzione surgelatore in casa potete surgelare a -18 i cibi e poi spostarli nel freezer.

Qual è il vantaggio dell’abbattitore?

L’abbattitore come detto porta i cibi a 3 gradi. A 3 gradi la proliferazione batterica è bloccata e dunque i cibi riescono anche a durare 3 volte più del normale. La funzione scongelamento, poi, riporta i cibi al loro stato naturale senza alterarne sapore o consistenza, poichè si tratta di uno scongelamento controllato.

Altre funzioni interessanti dell’abbattitore domestico

L’abbattitore domestico ha tante altre funzioni. Cuoce a bassa temperatura e grazie allo scongelamento controllato porta i cibi alla temperatura che noi desideriamo. E’ in grado di riscaldare una pietanza che proviene dal freezer o dal frigo. Ed ‘ anche programmabile, dunque possiamo posizionare un cibo nell’abbattitore e programmarne l’accensione e la temperatura per il momento in cui torneremo a casa dopo il lavoro. L’abbattitore domestico raffredda anche le bevande. Se avete una bevanda fuori dal frigo e ricevete una visita di amici, potete servire qualcosa di fresco raffreddando la bevanda in breve tempo, sia essa contenuta in vetro, plastica, lattina. Impostando temperatura ed umidità desiderate, l’abbattitore funziona anche da cella di lievitazione professionale. Con l’abbattitore domestico poi è possibile fare dolci e cioccolatini in casa, usando per esempio gli stampi in silicone.

Come fare batch cooking con l’abbattitore domestico

Il batch cooking è una pratica molto in uso specie presso le famiglie nelle quali entrambi i componenti della coppia lavorano. Si tratta di cucinare tutti i pasti della settimana (a volte anche per due settimane o un mese) in una volta sola. Si fa dunque una pianificazione ben precisa dei pasti. In questo modo si fa una spesa oculata acquistando solo le materie prime necessarie e risparmiando sui costi; si pianifica la corretta alternanza tra macronutrienti; si evitano sprechi; si risparmia tempo. In questo contesto l’abbattitore è sicuramente un valido braccio destro. I vantaggi sono innumerevoli insomma. Persino i rifiuti sono ridotti. Il braccio destro del batch cooking è sicuramente l’abbattitore, che abbatte la temperatura velocemente e consente di ridurre al minimo la proliferazione batterica. Con lui, la macchina per il sottovuoto, i sacchetti gelo, eventuali scatoline di pyrex.