5 specialità gastronomiche del mondo che forse non conoscevi

5 specialità gastronomiche del mondo che forse non conoscevi

12 Maggio 2021 0 Di Ilaria
Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Alla scoperta delle specialità gastronomiche del mondo meno note e più inusuali

In fatto di specialità gastronomiche pensiamo sempre, in Italia, di non essere secondi a nessuno. E tutto sommato il food Made in Italy primeggia nel mondo, a tal punto che oltre ad essere molto gustato ed acquistato, è anche molto contraffatto e copiato. Ma dovete sapere che nel mondo vi sono tantissime specialità gastronomiche da assaggiare almeno una volta nella vita. Scopriamone assieme alcune che forse non conoscete. 

1- L’hamburger di cammello: e voi lo mangereste?

Ebbene si, avete sentito bene. Se vi state domandando cos’è l’hamburger di cammello, è un hamburger tondo di carne proprio come lo concepiamo noi, ma di carne di cammello! Avreste mai pensato che il cammello fosse un animale che finisce sulle tavole di qualche paese? Ebbene lo è. Siamo in Marocco, nella città di Fez in particolare, dove l’hamburger a base di cammello è una pietanza all’ordine del giorno. A quanto pare, peraltro, non occorre andare in Marocco per assaggiarlo. Anche a Milano c’è un locale specializzato in carni provenienti da ogni dove che lo prepara. Pronti per l’assaggio? Se non vi ispira, dovete sapere che esistono anche l’hamburger di zebra e l’hamburger di canguro. E a proposito di valori nutrizionali della carne di cammello, dovete sapere che è altamente proteica e tutto sommato poco grassa, dunque va bene se state seguendo una dieta. Poichè è piuttosto magra, vi consigliamo di evitare la carne proveniente da animali molto anziani, perchè sarà più dura e difficile da mantenere morbida in cottura, a meno di non provare con la pentola a pressione.

2 – L’Okonomiyaki

Chi l’ha detto che la pizza è una prerogativa italiana? A modo loro anche in Giappone preparano la pizza! Si chiama Okonomiyaki ed è una specie di pizza (forse più una piadina, in effetti) a base di acqua e farina, farcita con verdure, pesce ed altri ingredienti. I giapponesi amano particolarmente questa ricetta tanto che troverete spesso l’Okonomiyaki fatto in casa se avrete occasione di recarvi a casa di amici giapponesi (anche in Italia). Esiste anche una ricetta dell’Okonomiyaki vegetariano, per chi non gusta o non desidera mangiare carne. Se provate a preparare gli Okonomiyaki fatti in casa, ricordate di preparare anche la salsa per Okonomiyaki, mescolando 3 cucchiai di salsa ketchup, uno di salsa di soia e uno di salsa Worchestershire. Anche se c’è chi aggiunge mirin, sake e aceto di riso. Anche in questo caso, comunque, a Milano troverete i ristoranti dove assaggiare queste “piadine” alla giapponese con la loro salsa originale.

3 – Il Tteok

Siamo in Corea del Sud, dove, se non lo sapete, preparano ottimi dolci. Uno di questi si chiama Tteok, ed è un dolce a base di farina di riso (ridotta in polvere) con deliziosi datteri e tanto irresistibile miele. Il suo aspetto è quello di piccoli gnocchetti tondeggianti, belli da vedere e buoni da mangiare. Potete trovarli anche con sesamo, zucca e altri ingredienti. Oltre ai Tteok dolci, esistono anche i Tteokbokki salati. Si tratta di gnocchi di riso che sono saltati in padella con l’aggiunta di una salsina a base di peperoncino e serviti poi assieme a uova bollite e scalogno. Esiste anche una versione in brodo di questa ricetta. In Corea li potete acquistare anche come cibo da strada e li troverete anche in sapori diversi, con l’aggiunta di frutti di mare, di pesce, eccecc. Dei Tteokbokki, la ricetta non piccante è gradita anche ai bambini.

4 – La Taramosalata

Ed ora tutti a Creta per l’assaggio della Taramosalata, un’insalata a base di uova di pesce. Sono uova di carpa tenute in salamoia, condite con cipolla, aglio, olive e succo di limone. Un’autentica prelibatezza, che vi capiterà di trovare anche in Grecia, Bulgaria, Romania, Turchia e Israele. In fatto di Taramosalata, la ricetta non è particolarmente difficile e spesso è replicata anche da noi in Italia, a tal punto che vi stupirà scoprire che esiste anche, della Taramosalata, la ricetta Bimby. In breve, la ricetta della taramosalata prevede che si prepari una salsina con uova di lompo (perchè non è certo che troviate quelle di lompo o di merluzzo), patate lesse, cipolla rossa, olive kalamata, limone, aceto, olio, pepe e olive.

5 – L’Harira

Infine, il nostro viaggio gastronomico ci porta in Marocco per l’assaggio della Harira, una deliziosa zuppa tipica della cucina araba. E’ a base di legumi e carne ed include ovviamente numerose spezie. Da provare. L’harira soup si trova in Marocco e Algeria, ma anche in questo caso potete procurarvi, dell’harira, la ricetta, e prepararla in casa. Ci dicono che l’harira bimby sia ottima ma se non avete il bimby potete comunque cimentarvi nella preparazione con pentole e tegami tradizionali.