Perledigusto.it

Esperienze gastronomiche con l'Italia del Gusto

Liquori e distillati

liquori e distillati

Sorseggiando i liquori e distillati italiani

Per gustare i liquori ed i distillati in maniera ottimale è necessario conoscere bene la differenza tra queste due bevande alcoliche: scopriamo insieme quale delle due potrà fare maggiormente al caso vostro.

La differenza tra liquori e distillati

Spesso, a fine pasto, viene domandato se si desidera bere un liquore o un distillato e la nostra scelta ricade su un prodotto che conosciamo e ci piace. Ma quando si tratta di spiegare qual é la differenza tra questi due prodotti, non siamo in grado di definire la differenza tra i due. Proprio per questo abbiamo pensato di parlare della differenza tra queste due bevande, così da riconoscerle a colpo d’occhio. I liquori si presentano come una bevanda alcolica preparata con una miscela di acqua, zucchero, aromi naturali quali erbe, fiori, frutta ecc e colorati (in alcuni casi). Questa bevanda alcolica, inoltre, si può ottenere per due diversi processi: tramite la macerazione degli ingredienti – fatta con l’infusione – o con la distillazione. Il distillato è una bevanda alcolica preparata con la distillazione di sostanze vegetali fermentate tramite l’utilizzo di alambicchi. Successivamente, si utilizza l’acqua per regolare la gradazione alcolica.

Alcuni dei più conosciuti liquori e distillati in Italia

Se sino ad oggi anche voi commettevate l’errore di confondere un liquore con un distillato, non preoccupatevi! Qui di seguito vi elenchiamo alcuni tra i più conosciuti sul nostro territorio, così da sapere con certezza se state bevendo un liquore piuttosto che un distillato. Il Bel Paese custodisce una lunga lista di liquori e tra questi citiamo la grappa – ottenuta con la distillazione delle vinacce, bucce d’uva e frutti – ed il limoncello che è preparato con la buccia dei gustosi limoni italiani, meglio ancora se della Costiera Amalfitana, fatta macerare in alcool e unita ad acqua e zucchero. Anche il nocino è un altro tra i liquori più conosciuti nel nostro paese, fatto nel modenese, e si ottiene con le noci. Passando ai distillati, non possiamo fare a meno di citare il rum ottenuto attraversi la canna da zucchero. Spostandoci in Sardegna, troviamo il filu ‘e ferru (letteralmente filo di ferro), un acquavite sarda molto forte ottenuta con la distillazione delle vinacce di Vernaccia.

Come accompagnare i liquori ed i distillati?

Nonostante si possa credere audace l’idea di abbinare un liquore o un distillato ad un alimento, in realtà non è poi così strano. Ad esempio, un rum non troppo forte si può abbinare alla perfezione con il cioccolato, mentre che distillati più aromatici come la grappa barricata sono ideali per i dolci a base di spezie e frutta secca. Il liquore Sanbuca, caratterizzato dal sapore di anice ed erbe, è perfetto da accompagnare da aggiungere nel caffé.